MODALITA’ “SOLO”

by / 0 Comments / 285 View / 25 aprile 2017

3 giorni alla partenza della regata in solitario 222MINISOLO nella sua seconda edizione, organizzata dal Circolo Nautico Marina Genova Aeroporto con Ernesto Moresino.

Il format piace e la modalità “Solo” stuzzica gli skipper.

16 barche al via con 12 in categoria serie e 4 nei proto per un percorso che da Genova Voltri porta ad una breve navigazione costiera verso Bergeggi. Si entra in altura con il secondo way point della Giraglia. Seconda parte della regata verso Capraia per tornare all’ultimo passaggio a Portofino e rientro a Genova.

Siamo al terzo appuntamento per il Campionato Italiano della Classe che per il 2017 prevede la chiusura proprio con la 222 MINISOLO.

Nei Proto c’è poco da dire su Andrea Fornaro di Sideral ITA 931 che ha dominato i campi di regata delle prove precedenti e quindi ancora una volta gli occhi saranno puntati su di lui. La barca sta trovando il suo assetto ma i lavori non finiscono mai.

Sempre nei proto ritroviamo Matteo Rusticali di ITA 444 SPOT. Peccato per il suo ritiro al GPI per il problema alla sartia, ma Matteo non si ferma mai quindi ha risolto il problema e sarà sulla linea di partenza anche con qualche emozione in più.

Debutto in SOLO per Luca Rosetti di ITA 342. Un ragazzo giovane che ha tanta strada da fare ma la stoffa c’è. Bello vedere che ancora una volta il Prototipo che fu di Michele Zambelli, avrà a bordo una giovane leva.

Marcel Schwager di STENELLA SUI 392 ha deciso di rimanere ancora in Italia per continuare quel percorso che ha deciso di intraprendere nella Classe. Ha tanti progetti in cantiere e quindi ogni occasione diventa un modo per costruire qualcosa. Anche per lui prima solitaria.

Nei serie ritroviamo un Federico Cuciuc (ITA 556 ZERO & T) veramente in forma. Le farfalle allo stomaco che ci ha detto di avere prima del GPI sono state sicuramente un ottimo stimolo. Ad oggi infatti ha sulla mensola due coppe per due secondi posti.

In ottima forma anche Francesco Renella di ITA 446 KOATI. Per lui due medaglie d’argento. Obiettivo: classifica.

Occhi puntati anche su ITA 603 PENELOPE di Emanule Grassi e Davide Lusso di ITA 859 Vi.Pe.R. Durante il GPI hanno dimostrato di avere delle buone carte da giocare e sarà interessante vederli in versione “solitario”.

Se i debutti sono importanti, immaginiamo l’emozione che stanno provando gli skipper che per questa regata proveranno finalmente le prime gioie in vero stile Mini. Ben quattro nella categoria Serie.

Francesca Komatar a bordo di ITA 659 AEREONAUTICA MILITARE è l’unica presenza femminile. Due anni fa il MINI era solo un’idea, oggi si contano i 5 minuti alla partenza.

Davide Rizzi di ITA 759 STERED LOSTEK lo abbiamo già visto emozionato all’ARCI, in coppia con sua moglie Marzia, per la loro prima regata di classe. Per la 222 sarà in fibrillazione.

Diego Paternò Castello di San Giuliano skipper di BIG JIM ITA 622. Per lui l’esperienza in Solo sarà a bordo di una barca che ha tanto da raccontare.

Dall’Adriatico Roberto Scalabrin con il suo Naus TEN TEN II ITA 309, che dopo tante regate in doppio, finalmente SOLO.

Anche se non sarà un debutto nelle regate in solitaria per Vedran Kabalin (CRO 704 ELOA), Gianluca Gelmini (ITA 768 TORTUGA), Massimo Ciccarelli (ITA 538 JOLLY ROGER), Alessandro Castelli (ITA 608 JANAINA) la partenza di venerdì è un nuovo appuntamento da vivere al 100%.

 

Photo Credits Benedetta Pitscheider